window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'UA-56174137-1');
Flavia De Nicola
"RR. Roma nel Rinascimento", Roma, 2015, scheda 23, pp. 229-232 (ISSN 2036-2463)
Publication year: 2015

Abstract

EN – In the ample and controversial context of studies dealing with the Hypnerotomachia Poliphili, which can be defined as the “most complex Renaissance book”, the volume by Stefano Colonna stands out as a fundamental contribution, gathering the outcome of the twenty-year researches which continue on Maurizio Calvesi’s path. The scholar’s work features numerous essays developed between 1985 and 2011, swinging from the important and already published acquisitions to the most recent unreleased scientific production. The investigation emerging from this corpus is primarily aimed at overstepping the traditional boundaries of the much debated attributive problem, whose shadow still seems to cover the 15th century text. Besides confirming the Roman authorship of this work, already assigned by Calvesi to Francesco Colonna, nobleman from Palestrina, in fact, the main worth of this book is bringing new incentives to the development of the researches on the author’s biography and on his role in the historic and cultural milieu where his fascinating work was born.

IT – Nel vasto e controverso panorama di studi gravitanti intorno a quello che potrebbe essere definito come il ‘libro più complesso del Rinascimento’, l’Hypnerotomachia Poliphili, il volume di Stefano Colonna s’impone quale fondamentale contributo, raccogliendo il frutto delle ventennali ricerche che proseguono sul sentiero per la prima volta battuto da Maurizio Calvesi. Il lavoro dello studioso presenta numerosi saggi elaborati tra il 1985 e il 2011, oscillando dalle importanti acquisizioni già edite al vivo della produzione scientifica inedita. L’indagine che emerge da tale corpus è primariamente tesa ad oltrepassare i tradizionali termini della tanto dibattuta questione attributiva, la cui ombra pare ancora stagliarsi sul testo quattrocentesco. Oltre a confermare la paternità squisitamente romana dell’opera assegnata già da Calvesi a Francesco Colonna, signore di Palestrina, il merito principale di questo libro è, infatti, quello di apportare nuova linfa allo sviluppo delle ricerche sulla biografia dell’autore e sul suo ruolo nel contesto storico e culturale che vide nascere la sua affascinante opera.

 Keywords

  • Artistic literature;
  • Renaissance Rome;
  • Renaissance antiquarianism;
  • Hypnerotomachia Poliphili.